Fiscal year

Michael Kors: allarme ricavi sul nuovo anno

Nel quarto trimestre, il brand Michael Kors ha totalizzato 1,1 miliardi di dollari di ricavi, in aumento del 17,8%. L'intero anno termina con un +32% ma le stime sul nuovo esercizio sono di vendite piatte a store comparabili.   

 

Nel quarter terminato il 28 marzo i ricavi in Nord America sono saliti del 13,7% ma hanno evidenziato un -6,7% a pari perimetro distributivo. In Europa, dove il gruppo ha intenzione di aprire un nuovo centro distributivo, le vendite hanno registrato un +33,5% (-5,6% a store comparabili).

 

ll risultato operativo della fashion house è passato da 250 a 256 milioni di dollari e l'utile ha raggiunto i 183 milioni, dai precedenti 161 milioni. A fine marzo la società contava 526 punti vendita retail (incluse le concessioni), dai 405 di un anno prima. a questo numero vanno aggiunti 202 negozi concessi in licenza.

 

Il bilancio annuale della Michael Kors mostra un +32% del giro d'affari, a 4,4 miliardi di dollari (+34% a cambi costanti). Il risultato operativo si è attestato a 1,3 miliardi di dollari dal miliardo dell'esercizio precedente. I profitti sono passati sa 661 a 881 milioni.

 

Ieri il titolo ha accusato un -24% a Wall Street, mentre intorno alle 17 di oggi (ora italiana) tenta il recupero (+0,7%). Secondo gli analisti il gruppo evidenzia bassi tassi di crescita da quando si è quotato. A preoccupare è lo scenario prospettato dai vertici a pari perimetro distributivo: nel primo trimestre del nuovo anno fiscale profilano un calo "low double digit" e per l'intero anno si attendono ricavi invariati. In programma ci sono investimenti sui fronti digital (con focus sull'e-commerce, cresciuto del 63% nel fiscal year), nuove assunzioni, retail e infrastrutture.

 

stats