Fiscal year

Piquadro approva il progetto di bilancio: in calo ricavi e utili

Nel bilancio chiuso il 31 marzo 2013 Piquadro segna un -12,7% dei ricavi, a 56,3 milioni di euro, mentre l'utile scende a 3,2 milioni, dai precedenti 7,8. "I risultati risentono della difficile situazione sul mercato italiano e dei forti investimenti volti a incrementare le vendite all’estero", spiega il ceo Marco Palmieri.

 

Nell'anno il gruppo specializzato nella pelletteria professionale e per il viaggio ha visto l'ebitda passare da 14,2 a 7,9 milioni, mentre l'ebit è diminuito a 5,2 milioni, dai precedenti 11,8.

 

"Le dinamiche di fatturato - ha commentato Palmieri - sono state condizionate non soltanto dalla contrazione dei consumi sul nostro principale mercato, quello italiano, ma anche dalla strategia aziendale di riposizionamento del brand e dall’andamento del mercato wholesale, che ha imposto la revisione della rete distributiva italiana, con l’eliminazione di circa il 25% dei rivenditori multimarca".

 

"Contestualmente - ha aggiunto - l’azienda si è impegnata in una strategia di internazionalizzazione che ha comportato forti investimenti, come l’apertura dello showroom di Milano, il potenziamento e la riorganizzazione del team export e lo sviluppo del retail diretto attraverso un consistente piano di aperture, tra le quali quella di un flagship store a Parigi".

 

Anche la nuova strategia, che prevede collaborazioni con stilisti affermati come Antonio Marras, persegue lo stesso obiettivo di incremento della brand awareness e dell’immagine di Piquadro nel mondo. "Il trend positivo dei negozi DOS attesta la validità della strategia di sviluppo del retail attraverso monomarca - ha concluso il presidente e a.d. della società di Silla di Gaggio Montano -. Continueremo quindi in questa direzione, concentrando gli investimenti su progetti e risorse umane finalizzati allo sviluppo del retail e all’internazionalizzazione del brand".

 

 

 

stats