Fiscal year

Puma per la prima volta oltre i 4 miliardi di euro di ricavi

Anno record per Puma. Il gruppo tedesco dello sportswear ha chiuso il 2017 con 4,14 miliardi di ricavi, in aumento del 14% rispetto all'anno prima (+15,9% a cambi costanti). L'ebit è quasi raddoppiato a 245 milioni (da 128 milioni) e l'utile è passato da 62 a 136 milioni.

 

Il board intende proporre un dividendo di 12,50 euro per azione (da 0,75 euro). Commentando i risultati positivi, il ceo  Bjorn Gulden ha prospettato per il 2018 una crescita del 10% a valute invariate.

 

L'ebit dovrebbe salire nell'intervallo 305-325 milioni di euro. Parlando a nome del gruppo, Gulden si è detto contento della proposta di Kering di ridurre la partecipazione nella società che ci consente la distribuzione di dividendi agli azionisti.

 

«Puma - ha detto - diventerà una public company indipendente, con un maggiore flottante (55%) e due azionisti forti: Kering con il 16% e Artemis con il 29%. Questo permetterà di continuare a svilupparci e di fare di Puma il più veloce marchio sportivo del mondo».

 

Nel 2017 il segmento più dinamico è stato il footwear cresciuto del 23,5% a cambi invariati. L'abbigliamento ha registrato un +10% e gli accessori un +9%.

 

Se si include l'e-commerce, le vendite retail hanno registra un incremento del 23% a valute invariate, arrivando al 23% delle vendite totali.

 

A livello geografico il brand del felino ha segnato un aumento del 19,5% in Emea e del 14% nelle Americhe. Nell'area Asia-Pacifico è cresciuto del 12,7%.

 

Di questi giorni anche la notizia che Puma diventerà lo sponsor tecnico ufficiale del Milan (al posto di Adidas) a partire dalla prossima stagione sportiva.

 

stats