Fiscal year

Zegna approva il bilancio: +11,9% i ricavi, +13% l'utile

Con vendite all'estero che ormai hanno superato il 90% del totale, il Gruppo Ermenegildo Zegna archivia il 2012 registrando un +11,9% nei ricavi globali, pari a 1,26 miliardi di euro. Fiducioso sul 2013, l'a.d. Gildo Zegna annuncia ulteriori sviluppi nel piano di espansione internazionale.

 

"Continueremo a investire in Europa, Usa, Messico, Cina, Australia e Singapore e in nuovi mercati come Nigeria e Vietnam", ha anticipato Zegna, commentando un bilancio che vede l'ebitda in aumento del 7,5% a 250 milioni di euro e l'utile in crescita del 13% a 130 milioni. A fine 2012 i monomarca all'attivo erano 543, ma nel corso di quest'anno sono previste 30 aperture tra le quali Ginevra, Londra (in Sloane street), Dallas, Cancun, Abu Dhabi, Kuwait City, Singapore, Hanoi, Brisbane, oltre a opening in diverse città cinesi, nonché a Pechino e Shanghai.

 

Il ceo scommette su Stefano Pilati per il rilancio di Agnona ma anche per Zegna Couture ed EZ. Inoltre, nuove opportunità di business si profilano in seguito alla collaborazione avviata insieme a Maserati per la limited edition "Quattroporte by Ermenegildo Zegna", dove i modelli sono personalizzati con i tessuti del lanificio del gruppo.

 

La Ermenegildo Zegna è reduce dai festeggiamenti, a Sydney, dei 50 anni del Wool Trophy, un premio che dal 1963 l'azienda italiana assegna ai più eccellenti allevamenti ovini australiani e che ora è diventata una competizione globale. L'evento ha previsto anche un party, l’esibizione live del gruppo australiano Temper Trap e una sfilata, per presentare una capsule collection focalizzata sul tema della lana merino.

 

stats