GIRI DI POLTRONE

Burberry: Ahrendts passa ad Apple, Bailey nuovo ceo

Angela Ahrendts come Paul Deneve: a pochi mesi di distanza dall'ingresso del ceo di Yves Saint Laurent in Apple, anche la numero uno di Burberry entra nel management della società di Cupertino. E lascia il suo posto nella casa di moda all'attuale chief creative officer, Christopher Bailey.

 

Ahrends, in Burberry dal 2006 e considerata la donna manager più pagata della City (con uno stipendio complessivo di quasi 20 milioni di euro nel 2012), darà l'addio definitivo alla griffe entro la metà del 2014.

 

Inizialmente non si sapeva quale posizione sarebbe andata a ricoprire all'interno della company fondata da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne, ma con il passare delle ore gli interrogativi hanno avuto una risposta: è stato infatti creato per lei un ruolo ex novo, quello di senior vice president e membro dell'executive team, con l'amministratore delegato Tim Cook come personaggio di riferimento.

 

La manager si è detta "profondamente onorata e ansiosa di lavorare con i team Apple a livello mondiale, per arricchire ulteriormente l'esperienza dei clienti degli Apple Store, anche online". Secondo uno studio riportato da corriere.it, gli Apple Store guadagnano poco meno di 60mila dollari (circa 44mila euro) al metro quadro occupato, il doppio della cifra realizzata per esempio da Tiffany.

 

Quanto a Christopher Bailey, la promozione non comporterà per lui una rinuncia al ruolo di direttore creativo. Certo, la sfida che lo stilista 43enne dovrà affrontare non sarà facile: un conto è occuparsi di stile e immagine e un altro guidare un gruppo che, nel primo semestre di quest'anno, ha riportato vendite per 1,03 miliardi di sterline (1,2 miliardi di euro), in aumento del 16,8% e con un +20% a livello di ricavi retail.

 

stats