GLOBAL BLUE FOR FASHION

Global Blue: le nazionalità emergenti nel tax free shopping in Italia

Se cinesi, statunitensi e russi continuano a fare la parte del leone nel settore del tax free shopping in Italia, ci sono alcune nazionalità “emergenti” da monitorare con attenzione. È ciò che segnala Global Blue osservando i trend registrati tra gennaio e maggio di quest’anno nelle quattro mete per eccellenza per lo shopping nel nostro Paese: Milano, Roma, Firenze e Venezia.

Ma quali sono queste nazionalità? Eccone alcune: si va dai viaggiatori provenienti da Hong Kong, Taiwan e Singapore ai giapponesi, brasiliani e indonesiani

In particolare, secondo i dati della società leader nel settore, nel capoluogo lombardo – che rimane la prima meta per il tax free shopping in Italia, con il 37% del totale degli acquisti effettuati dai Globe Shopper – nei primi cinque mesi del 2019 è stato significativo il trend osservato sui turisti provenienti dal Giappone. Questi, infatti, pur pesando per solo il 4% del totale delle vendite, hanno fatto registrare un incremento del 28% del volume dei propri acquisti rispetto allo stesso periodo del 2018, con uno scontrino medio pari a 982 euro.

A Roma, invece, i dati Global Blue hanno evidenziato due “nazionalità emergenti”: i viaggiatori provenienti da Hong Kong e da Taiwan. Nel dettaglio, nei primi cinque mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, i Globe Shopper provenienti da Hong Kong – che coprono il 3% del totale delle vendite nella capitale – hanno fatto registrare una crescita del 48% del numero di acquisti e un valore dello scontrino medio in rialzo del 36%, arrivato a 2.605 euro. Più contenuti, ma non meno significativi, i rialzi fatti registrare dai turisti di Taiwan: +17% degli acquisti e un valore dello scontrino medio in crescita dell’8%, giunto a 926 euro.

A Firenze sono stati i dati fatti registrare dai turisti provenienti dal Brasile e da Singapore a sollevare interesse. In particolare, i brasiliani, che nel capoluogo toscano pesano per il 4% sul totale delle vendite, hanno fatto registrare un +4%, con uno scontrino medio pari a 635 euro, ma in crescita dell’11%. I turisti giunti da Singapore, invece, rispetto a un anno fa, hanno fatto salire il volume complessivo dei loro acquisti del 12% e il valore medio degli stessi del 10%, portandolo a 1.235 euro.

Osservati speciali su Venezia sono stati, infine, gli indonesiani, anche se pesano per solo il 2% sul totale delle vendite esentasse: questi Globe Shopper, nel periodo gennaio-maggio 2019, hanno speso in media 1.281 euro per i propri acquisti, facendo registrare un +27 rispetto a un anno fa.


Sono tutti elementi che confermano, da una parte, l’attrattività continua dell’Italia nei confronti di viaggiatori provenienti davvero da tutto il mondo e, dall’altra, l’importanza del tax free shopping quale strumento in grado di attrarre turisti high spender nel Bel Paese, vincendo la competizione con gli altri Paesi europei.
stats