INDISCREZIONI

Victoria's Secret: stop ai costumi da bagno

Victoria's Secret starebbe per mettere la parola fine al business dei costumi da bagno. Per ora si tratta di un gossip, ma se la notizia venisse confermata, per il marchio americano - alle prese con una riorganizzazione - si tratterebbe della fine di un'epoca.

 

È stato il sito americano BuzzFeed a lanciare l'indiscrezione, ripresa da diversi media, tra cui l'italiano corriere.it.

 

Sembra che il beachwear - che nel tempo si è avvalso di testimonial come Tyra Banks, Heidi Klum e Gisele Bündchen - frutti alla casa produttrice L Brands ricavi per circa 500 milioni di euro l'anno, pari al 6,5% delle vendite: una cifra ritenuta non sufficiente per investire ulteriormente nel settore.

 

Quello che si sa per certo è che la società sta studiando una svolta, con in vista una riorganizzazione in tre divisioni: Victoria's Secret Lingerie, Pink (sinonimo di proposte "cool&easy", per un target prevalentemente di giovanissime) e Victoria's Secret Beauty. Nei negozi la linea VS Sport potrebbe occupare gli spazi ora riservati ai costumi da bagno.

 

Si teme che il "restyling" porti a una riduzione della forza lavoro: secondo il Daily Mail, sono a rischio almeno 200 posti (nella foto, un'immagine tratta dal profilo Instagram di Victoria's Secret).

 

stats