INIZIATIVE

Cucinelli: il regalo di Pasqua ai dipendenti è un bonus da spendere in cultura

Alla vigilia di Pasqua l’imprenditore Brunello Cucinelli ha convocato i propri dipendenti e fatto un annuncio: da oggi le spese per libri, cinema, teatro e gite al museo verranno interamente rimborsate dall’azienda. Il bonus è di 500 euro per i single e di mille per chi ha famiglia. Per usufruirne basterà portare in sede gli scontrini con gli importi versati per le attività culturali.

 

Un’iniziativa coerente con lo spirito umanista che anima da sempre l’imprenditore umbro del cashmere. Nelle intenzioni di Brunello Cucinelli, il bonus cultura dovrebbe contribuire a incentivare la riscoperta dell’immenso patrimonio culturale e artistico italiano.

 

Inoltre, Cucinelli con questa mossa si fa interprete anche di un cambio di mentalità nel nostro Paese, dove gli incentivi graditi dai lavoratori non sembrano più essere solo quelli di tipo economico, considerati in base alla produttività, ma anche quelli legati alla qualità della vita e alla crescita personale.

 

«L’obiettivo della mia vita è diventato ridare dignità al lavoro», ha detto in varie occasioni Brunello Cucinelli, imprenditore, figlio di un operaio. Tra i suoi 1.400 dipendenti, di cui 900 al lavoro nel borgo di Solomeo, in provincia di Perugia, non esistono grandi differenze tra operai e impiegati.

 

«Anche gli stipendi sono simili - assicura -. Le mansioni dell’artigiano sono dure e ripetitive. E se ti faccio lavorare oltre l’orario ti rubo l’anima. Inoltre, la creatività è solo dove c’è la bellezza».

 

 

stats