INIZIATIVE

Jack Ma (Alibaba) pronto a rilevare la maggioranza del Milan

Dopo aver compreso le potenzialità dell’e-commerce in Cina, Jack Ma, il fondatore di Alibaba, punta sul calcio europeo. Ci sarebbe infatti Ma, secondo indiscrezioni di stampa, a capo della cordata che entro la fine della settimana dovrebbe ottenere da Silvio Berlusconi il via libera per l’acquisizione della maggioranza delle quote azionarie del Milan.

 

Jack Ma ha avviato Alibaba nel 1999 e in pochi anni l’e-company gli ha permesso di scalare la classifica degli uomini più ricchi del mondo, grazie all’intuizione dell’importanza del commercio via Internet in un mercato vasto come la Cina.

 

Presto l’imprenditore ha intuito anche il potenziale del calcio. Dopo avere investito nel 2014 ben 192 milioni di dollari nel Guangzhou - una squadra di successo, che con Marcello Lippi ha vinto tre titoli nazionali e la Champions d'Asia - ha deciso di puntare sull’Europa e in particolare su un club famosissimo e di sicura presa presso i tifosi asiatici, per il quale Berlusconi cerca ormai da tempo soci.

 

«Il calcio fa la felicità delle persone», è la frase che viene attribuita al tycoon cinese, a capo di una macchina da soldi: Alibaba Group comprende infatti Taobao.com (l'e-Bay cinese), Tmall.com (sito utilizzato da brand e retailer cinesi e internazionali per le vendite online nel Paese asiatico), Alibaba.com (piattaforma leader per il trade a livello mondiale) e tutta una serie di società di servizi per le attività di e-commerce, essendo la mission di Alibaba agevolare il business a livello globale, grazie alle nuove tecnologie.

 

L’assemblea degli azionisti del Milan, in programma domani pomeriggio (28 aprile) con successivo consiglio d’amministrazione, potrebbe portare alla luce le intenzioni di Berlusconi sulla proposta del re Mida del commercio elettronico.

 

 

stats