Il nuovo shopping center ad Arese

Il Centro: «È la realizzazione di un sogno» dice Marco Brunelli

Oggi, 13 aprile, l’atteso debutto de Il Centro, il mega shopping center ad Arese, nei pressi di Milano, che segna una svolta nel sistema distributivo italiano. Chi ci ha visto lungo e ha creduto nell’iniziativa è Marco Brunelli, patron di Finiper, che circa 15 anni fa ha acquistato i terreni e poi ha realizzato il progetto.

 

«È la realizzazione di un sogno, la dimostrazione che se si crede veramente in qualcosa diventa realtà» ha premesso Marco Brunelli, visibilmente commosso.

 

«Mi hanno chiesto come mai ho deciso di chiamarlo Il Centro: perché rappresenta il principio della “Grande Milano”» ha spiegato Brunelli, aggiungendo: «Abbiamo depositato anche un secondo nome, Il Centro di Milano, visto quanto crediamo in questa iniziativa e nelle potenzialità di sviluppo di tutta la zona».

 

D’altra parte il nome Il Centro è composto da due parole che, nella loro essenzialità, trasmettono un chiaro messaggio: si tratta di un unicum. Ed è vero. Perché il mall inaugurato oggi nell’area dell’ex fabbrica Alfa Romeo, con i suoi 92mila metri quadri di superfice lorda affittabile (gla) è il centro commerciale più grande d’Italia realizzato in una sola fase, tra i primi 10 d’Europa.

 

Da capogiro, almeno per gli standard del nostro Paese, anche le altre coordinate: oltre 200 insegne  - tra cui Primark, al suo debutto italiano, tutto il gruppo Inditex, H&Manche con la parte Home Victoria’s Secret, Foot Locker, Alcott, il gruppo Calzedonia, Nara Camicie, Del Mare 1911, Kiabi, MediaWorld, McDonald’sLego Store-, 2mila addetti, 13 milioni di visitatori stimati l’anno (circa 40mila al giorno e 60mila di sabato e domenica) e 7mila posti auto, oltre a varie attività di entertainment e leisure.

 

Sul fronte dell’investimento, Francesco Ioppi, braccio destro di Brunelli ha detto che  si parla di circa 390 milioni circa, di cui 40 milioni del solo ipermercato di 12mila metri quadri di gla. In realtà molti sostengono che la cifra più verosimile si avvicini ai 500 milioni di euro.

 

stats