In Borsa

Dolce & Gabbana, Armani e Zegna al top delle aziende italiane quotabili

Il Gruppo Dolce & Gabbana si riconferma in cima alla lista delle aziende italiane della moda con tutte le carte in regola per approdare in Borsa, seguito da Giorgio Armani ed Ermenegildo Zegna. Intanto, in chiusura d'anno, il settore si rivela best performer sui mercati azionari mondiali.

 

Basti vedere i trend di Brunello Cucinelli, che quotatosi a Piazza Affari fine aprile, realizza un +29% nella performance a sei mesi, e Salvatore Ferragamo, che si è collocato lo scorso anno, segna un +51% in 12 mesi. Bene anche Prada, approdata sul listino di Hong Kong nel 2011, che realizzza un +60% annuale.

 

Tuttavia sono molte le aziende nazionali che potrebbero avere chance di successo con il listing, in un orizzonte periodale di 3-5 anni. Tra le top 50 individuate nel 2012 da Pambianco Strategie di Impresa (sulla base dei numeri di bilancio e di fattori come la notorietà del marchio, la dimensione, la forza distributiva, la fascia di mercato e l'età dell'imprenditore) figurano new entry come Carlotta (Ermanno Scervino), Fixdesign, Arav Fashion (Silvian Heach), Monnalisa, Antress (Manila Grace, E-gò) e Zeis Excelsa (Bikkembergs).

 

"Attraverso la quotazione, molte di queste società potrebbero dotarsi delle risorse finanziarie e manageriali necessarie per accelerare la crescita e trasformarsi da campioni domestici a campioni globali", ha detto Luca Peyrano, commentando la classifica. Il responsabile Continental Europe Primary Markets di Borsa Italiana ha inoltre ricordato che alcune di loro "si stanno abituando a un contesto di apertura al capitale", grazie a Elite, un progetto che coinvolge, oltre a Borsa Italiana, anche il ministero dell'Economia e delle Finanze, Confindustria, Abi e Bocconi. Della sessantina di aziende italiane attualmente coinvolte, in rappresentanza della moda figurano Harmont & Blaine, Light Force, Peuterey, Pianoforte Holding (proprietaria di brand come Yamamay e Carpisa) e, dallo scorso ottobre, Braccialini.

 

stats