In Borsa

Richemont nello Stoxx Europe 50 al posto di France Telecom

Dal 24 dicembre le azioni del gruppo svizzero Richemont, che ha in portafoglio marchi come Cartier (nella foto), Van Cleef & Arpels e Vacheron Constantin, entreranno nell'indice delle blue-chip europee, lo Stoxx Europe 50. Lusso promosso, utility bocciate: dal paniere, infatti, uscirà France Telecom.

 

L'indice è costituito da 50 titoli, in rappresentanza di aziende di 18 Paesi europei, tutte leader di settore dell'area, nei rispettivi ambiti di appartenenza. Attualmente i soli rappresentanti della moda, nella rosa dei 50, sono il luxury group francese Lvmh e il retailer svedese della fast fashion Hennes & Mauritz

 

Nel giro di quasi un anno Richemont ha corso parecchio in Borsa. Ai primi di gennaio sfiorava i 50 franchi svizzeri per azione, mentre in questi giorni passa di mano sopra quota 70 franchi. La capitalizzazione del gruppo, che tra gli altri controlla la griffe Chloé e l'e-tailer Net-a-porter, supera i 41 miliardi di franchi svizzeri (oltre 34 miliardi di euro).

 

Dal prossimo aprile la società cambierà il vertice: al ceo Johann Rupert succederanno Richard Lepeu, attuale vice-chief executive, e Bernard Fornas, boss di Cartier, che in gennaio lascerà la guida del brand a Stanislas de Quercize.

 

stats