Inaugurazioni

Brian&Barry: in arrivo in San Babila il megastore del lifestyle

Il "sogno verticale" di Brian&Barry è quasi pronto per il debutto, fissato per fine novembre. In dirittura d'arrivo un megastore di 12 livelli, che ospiterà nel cuore di Milano il meglio del lifestyle.

 

L'indirizzo è quello di sempre, via Durini, all'angolo con via Borgogna (come dire, piazza San Babila), ma a cambiare è la formula: un concetto di grande contenitore che porta in primo piano un insieme di eccellenze in diversi settori, articolate sull'intero edificio.

 

Lo racconta a fashionmagazine.it Carlo Zaccardi, a.d. del Gruppo BBB: "Prima dell'inizio dei lavori occupavamo circa 1.500 metri quadri sui tre livelli inferiori, ora saremo presenti su 12 piani, dal -1 al 10, divenendo l'edificio commerciale più alto di Milano". Un intero palazzo che raggrupperà ristorazione, cosmetica, abbigliamento, casa, gioielleria e orologeria.

 

Il livello –1 ospiterà l'home-design, con Ecliss Milano e una zona food e market di Eataly, con annessa una la piadineria; il piano terra sarà occupato da un grande bar pasticceria, che si affiancherà alla hall espositiva. Il primo si focalizzerà su Sephora, che porterà alla ribalta un concept innovativo; il secondo accoglierà orologeria e gioielleria con marchi top level; il terzo e il quarto saranno gestiti da Eataly, che proporrà la ristorazione con pasta, pizza, carne e hamburger, oltre a un'ulteriore parte di market; il quinto e sesto saranno riservati a Brian&Barry donna; il settimo e l'ottavo a Brian&Barry uomo; il nono piano vedrà la nascita di Asola|Cucina Sartoriale, il ristorante che avrà come chef executive Matteo Torretta, mentre al decimo si sta lavorando per realizzare una lounge.

 

Affidato allo studio C&P Architetti di San Donà di Piave, il progetto, che vede come partner finanziari Intesa San Paolo e Unicredit, non ha intaccato l'esterno dell'edificio, risalente agli anni Cinquanta, mentre è intervenuto sulla riorganizzazione degli spazi. L'obiettivo è di fare del megastore un punto di riferimento non solo per il côté commerciale. "Vivrà sicuramente di eventi e presentazioni, sia nell'area ingresso che sulla terrazza, ma anche il ristorante è il luogo ideale per happening - spiega Zaccardi -. Sarà aperto fino alle 22, mentre la parte ristorazione proseguirà anche più tardi". Per le ore notturne è prevista un'illuminazione di impatto, che moltiplicherà la visibilità del building.

 

 

stats