Inaugurazioni

M Collective: da corso Buenos Aires a piazza Fontana, con l'estero in vista

Dopo il debutto due anni fa in una traversa di corso Buenos Aires, M Collective store si ingrandisce e si sposta in una location più centrale e prestigiosa, in piazza Fontana, a due passi dal Duomo. L'insegna si rinnova nel look e si appresta a esportare il concept all'estero. L'inaugurazione è fissata per questa sera, 19 settembre.

 

Il punto vendita si articola su due livelli: al piano terra sono presenti le collezioni donna, accessori e oggetti, mentre al piano inferiore ci sono le linee uomo, insieme alla Black Room, un’area dedicata alle novità commerciali, agli eventi e ai trend del momento.

 

Restano invariati i tre mood distintivi tipici di M Collective: è possibile infatti orientare l’esperienza d’acquisto in base al proprio carattere e alle proprie necessità, spaziando tra l'area Minus (minimal, basic ed essenziale), Much (sofisticato, elegante e ricercato) e More (esagerato, stravagante, eccentrico).

 

All'interno del negozio, che raggruppa oltre 200 brand con un occhio di riguardo a stilisti emergenti e aziende di ricerca, sono posizionati schermi che suggeriscono abbinamenti e soluzioni creative, mentre l'esperienza di acquisto può essere perfezionata sul web, in virtù dell'e-commerce di ultima generazione, con la possibilità di prenotare online il capo per provarlo fisicamente in store senza obbligo di comprarlo, uno dei tanti servizi a disposizione.

 

«Crediamo nell'omnicanalità - ribadisce Anna Casiraghi, managing director di M Collective -. Il negozio fisico e quello virtuale sono due facce della stessa medaglia, per permettere ai nostri clienti di acquistare in modo flessibile, interattivo e divertente, in base alle loro necessità».

 

«Con questo opening - aggiunge Anna Casiraghi - variamo un nuovo concept: se in Buenos Aires l'esposizione era sviluppata secondo un percorso più o meno "rettilineo", ora invece ragioniamo per "isole", in nome di una maggiore fluidità».

 

Ora M Collective è pronto a volare oltrefrontiera, grazie a un piano di internazionalizzazione che prevede aperture nei mercati a maggiore crescita e altamente ricettivi.

 

«Siamo già conosciuti e apprezzati all’estero con il web, ora vogliamo portare fisicamente oltrefrontiera M Collective e i brand che accuratamente selezioniamo», confema Anna Casiraghi, senza sbilanciarsi sui Paesi dove l'insegna potrebbe sbarcare, ma pare che Medio ed Estremo Oriente siano due aree verso le quali l'attenzione è alta.

 

Da sempre, infine, M Collective realizza progetti di co-branding con alcuni dei marchi più interessanti: in occasione dell'opening di oggi viene lanciata una capsule con Silvian Heach.

 

stats