Internazionalizzazione

I programmi del Gruppo Sixty dopo il passaggio del 100% del capitale a Crescent Hyde Park

Michel Lhoste, direttore generale del Gruppo Sixty, parla dei programmi futuri dell’azienda, dopo il passaggio del 100% del capitale alla società d’investimenti panasiatica Crescent Hyde Park: “Un fondo importante, con grandi ambizioni rispetto alla nostra realtà” dichiara il manager.

 

La presentazione della collezione Energie primavera-estate 2013 e il primo concerto dei Rubber Kiss Goodbye - band inglese testimonial della nuova campagna “MakeNoise”,il cui leader è Tara Ferry, figlio del mitico Bryan - nella giornata d’apertura di Milano Moda Uomo sono stati il primo appuntamento pubblico del Gruppo Sixty dopo l’acquisizione, avvenuta solo poche settimane prima.

 

Il brand Energie è uno dei tasselli del piano di rilancio: anzi è “il” tassello maschile, insieme al pilastro al femminile rappresentato da Miss Sixty. “Energie rafforza quindi la sua identità di marchio denim giovane e irriverente mentre Miss Sixty, denim-fashion brand nato da una geniale intuizione di Wicky Hassan, recupera la sua anima indipendente e cosmopolita” spiega Lhoste.

 

E a proposito della nuova proprietà, aggiunge: “L’obiettivo dichiarato è lo sviluppo internazionale, compresa l’espansione nel continente asiatico, dove il nostro gruppo conta già 101 store (di cui 41 a insegna Energie), numero destinato a salire dopo la liaision, perfezionata a fine 2011,con Trendiano Co. (realtà cinese specializzata nella produzione e distribuzione di abbigliamento, forte di oltre 1.500 negozi in attività, ndr)”.

 

stats