Legal affairs

Abercrombie licenzia 25enne: il Tribunale di Milano lo condanna

Abercrombie & Fitch licenzia un dipendente, impiegato in Italia, al superamento dei 25 anni di età. Un comportamento "discriminatorio" per i giudici italiani, che condannano il retailer a una multa di oltre 14mila euro. Negli Usa, invece, A&F diventa più "friendly".

 

La vicenda legale del colosso dell'abbigliamento americano, presente nel nostro Paese anche con l'insegna Hollister, spicca oggi sui principali media nazionali. I giudici della sezione lavoro della Corte d'Appello di Milano hanno accolto il ricorso (dopo la bocciatura in primo grado) di un dipendente, che nel 2010 era stato assunto con contratto intermittente (a chiamata, che può essere offerto ai disoccupati con meno di 25 anni d'età o con più di 45 anni) e licenziato al compimento dei 25 anni. I giudici hanno dichiarato la «natura discriminatoria del comportamento» tenuto dall'azienda, per avere assunto il lavoratore con un contratto intermittente «in forza della sua sola età anagrafica». Il tribunale ha condannato Abercrombie & Fitch a un risarcimento di 14.450 euro e a riammettere il giovane in organico, in forza di un rapporto di lavoro subordinato part-time.

 

Negli Stati Uniti, invece, il noto retailer si trova a fronteggiare una stampa sempre più critica nei confronti delle strategie del management (in un anno gli utili si sono ridotti dell'80%) capeggiato da Mike Jeffries. Lo stesso che in gennaio ha perso la carica di presidente (detenuta dal 1996), pur mantenendo quelle di ceo e director del board. L'organizzazione di un press day dedicato ad Abercrombie & Fitch e Hollister - avvenuto mercoledì a New York e per la prima volta nella storia del gruppo - ha quindi subito fatto pensare a un tentativo di allacciare rapporti più friendly con la fashion press. Come riporta wwd.com, la presentazione ha puntato a distinguere nettamente i due brand in base al target: A&F pensato per i consumatori "college-age" e Hollister, focalizzato sul segmento "high school".

 

 

 

 

stats