M&A

Lamarthe torna in mani francesi

Il brand della pelletteria Lamarthe (nella foto) non farà più parte dell'azienda italiana Sergiolin. Infatti, sta per passare al gruppo familiare francese Verotrade, che con la griffe punta a conquistare il segmento del lusso accessibile.

 

Verotrade è specializzato nello sviluppo di licenze della moda negli accessori come borse e scarpe (Naf Naf e Lancaster, tra i marchi in portafoglio) ma anche bijoux, orologi e abbigliamento (Alain Manoukian, per citare una delle label). L'intesa con la Sergiolin di Ozzano Emilia (Bo), che aveva rilevato Lamarthe dall'amministrazione controllata nel 2010, risalirebbe a tre settimane fa.

 

Con l'operazione saranno mantenuti i 70 addetti che operano attualmente per la griffe parigina fondata nel 1930, compreso Bertrand Gignoux, in forze nell'azienda con vari ruoli da sette anni. Sarà invece trasferita la sede sociale, dall'ottavo al 16esimo arrondissement.

 

Nei piani di Verotrade c'è lo sviluppo del retail, a partire dai negozi di proprietà, che da due  dovrebbero salire a 8-12 nel corso del 2013. Si fanno inoltre progetti a livello di shop-in-shop all'interno delle insegne del prêt-à-porter, che si dovrebbero concretizzare nell'autunno-inverno 2013/2014. Attualmente sono 200 i punti vendita all'attivo (40% in Francia e 60% fra Spagna, Germania e Italia), per un fatturato di circa 11 milioni di euro.

 

stats