M&A

Richemont rileva il restante 40% di Roger Dubuis

Compagnie Financière Richemont ha rilevato il 40% non ancora in suo possesso del capitale di Roger Dubuis, raggiungendo il controllo totale del produttore di orologi di alta gamma di Ginevra. I dettagli dell'operazione non sono stati resi noti.

 

Nelle stime degli analisti della banca svizzera Vontobel sentiti da Bloomberg, il prezzo pagato potrebbe essere inferiore ai ricavi Roger Dubuis (nella foto il modello Pulsion), stimati intorno ai 60 milioni di euro per il bilancio che chiude in marzo.

 

Come riporta Le Temps, la quota del 40% era in mano ad Akram Aljord, socio e chief executive dei segnatempo a marchio Hysek.

 

Fondato nel 1995, il brand svizzero va a incrementare il suo peso nel ricco portafoglio marchi di Richemont dedicato all'orologeria (Vacheron Constantin, Cartier, Baume & Mercier, Piaget, Officine Panerai, solo per citarne alcuni): un business che ha registrato un -4% tra ottobre e dicembre 2015 (+1% a cambi costanti) a causa dell'atteggiamento cauto dei wholesaler, come ha spiegato il management, soprattutto a Hong Kong, Macao e nele Americhe.

 

Gli analisti finanziari prevedono altre acquisizioni di piccoli produttori d'eccellenza da parte dei grandi gruppi (oltre a Richemont, Swatch Group, Lvmh e Kering), come reazione al raffreddamento dei consumi.

 

stats