M&A

Si torna a parlare di un interesse di Hbc per Neiman Marcus

Si vocifera di una ripresa dei colloqui per un possibile merger fra Hudson’s Bay Co. (Hbc), il gruppo che controlla l'insegna americana Saks Fifth Avenue, e Neiman Marcus. Non sono note le tempistiche e le condizioni del potenziale accordo.

 

Lo riporta wwd.com insieme al "no comment" delle parti in causa, anche se secondo alcuni esperti la fusione è data per inevitabile.

 

Si dice inoltre che Hbc, storico gruppo canadese del retail, stia puntano al department store di lusso da quando, nel 2013, ha acquistato il concorrente Saks Fifth Avenue.

 

Neiman Marcus, che controlla tra gli altri la catena Bergdorf Goodman e MyTheresa.com, ha registrato un +14% delle vendite nel primo trimestre del nuovo esercizio, ma ha aumentato le perdite (+11% a 26,2 milioni di dollari). Inoltre è gravato da 4,4 miliardi di dollari di debiti a lungo termine.

 

I due gruppi avevano già avviato le trattative nel 2017, naufragate in giugno, probabilmente a causa dell'indebitamento di ambo le parti e per il prezzo della transazione. Ora però la situazione in Hbc è diversa.

 

In ottobre il retailer di Toronto ha deciso di vendere il negozio a insegna Lord & Taylor sulla Quinta strada a New York per 850 milioni di dollari e a fine 2017 ha visto entrare nell'azionariato la società di investimenti Rhône Capital, che ha apportato 500 milioni di dollari.

 

Secondo altre voci però, Neiman, che dal 2013 è controllato da Ares Management e dal Canada Pension Plan Investment Board, potrebbe rilevare Saks e il suo patrimonio immobiliare, che include il flagship store sulla Fifth avenue.

 

stats