MODA E PROFUMI

Puig si rafforza in Brasile, grazie all’acquisizione di una quota di Granado

Il gruppo spagnolo della moda e della profumeria Puig starebbe per acquisire una quota di monoranza del Grupo Granado SA, un produttore e retailer brasiliano di prodotti di bellezza di qualità, che sta cercando di espandersi a livello globale, dopo aver aperto un piccolo punto vendita a Parigi, tre anni fa.

 

La realtà con sede a Barcellona, proprietaria tra l’altro dei brand Carolina Herrera e Jean Paul Gaultier, sarebbe pronta a mettere sul piatto 306 milioni di dollari per aggiudicarsi il 30% di Granado, che fa capo all’ex banchiere Christopher Freeman, il quale aveva comprato la società dall’omonima famiglia fondatrice nel 1994.

 

L’annuncio ufficiale dell’operazione dovrebbe avvenire tra pochi giorni. Puig ha prevalso su fondi di private equity e altri rivali, che avevano dimostrato un preliminare interesse verso Granado. Freeman era infatti alla ricerca di un socio di minoranza dall’inizio dell’anno.

 

La quota in Granado potrebbe aiutare Puig a crescere in Brasile, un Paese di 200 milioni di persone, che rappresenta il terzo mercato al mondo per i cosmetici e il beauty care.

 

Del resto, la presenza di Puig nei Paesi emergenti si è già notevolmente affermata, aiutando la società a compensare da anni la debole crescita in Spagna. Attualmente il 47% dei ricavi provengono da nazioni di questo tipo al di fuori dell’Unione Europea e del Nord America.

 

Lo scorso anno Puig ha ottenuto un utile netto di 126 milioni di euro e ricavi per 1,6 miliardi di euro. Per la fine dell’anno in corso il gruppo prevede di raggiungere un fatturato di 2 miliardi di euro. (nella foto, un'immagine d'archivio di Granado)

 

 

stats