Manager

Hermès: vale quasi 4 milioni la "non concorrenza" del ceo Thomas

Il gruppo del lusso Hermès ha siglato un patto di non concorrenza con il ceo uscente Patrick Thomas, che prevede il pagamento al manager di una cifra forfettaria annuale sopra i 966mila euro dal 2014 al 2017.

 

Thomas - che a fronte dell'indennità, si impegna a non fare concorrenza per 10 anni - ha conquistato il timone della maison francese nel 2004. Si trattava del primo caso di un amministratore delegato della società che non era discendente del fondatore Emile Hermès. Il manager se ne andrà l'anno prossimo: passerà il testimone ad Axel Dumas, erede della famiglia Hermès, che dallo scorso giugno ha affiancato Thomas con la carica di co-ceo.

 

Nel 2012 il compenso lordo del manager uscente è stato pari a 1,98 milioni di euro. Come riporta la stampa francese, dopo la recente riunione del board della Emile Hermès Sarl (la holding dei discendenti del fondatore) Thomas riceverà per il 2013 una remunerazione statutaria lorda di 1,2 milioni e una complementare di 1,1 milioni. A queste cifre vanno aggiunti i supplementi lordi statutari e complementari rispettivamente di 540mila e 347mila euro.

 

stats