Mercati

Sud America, Mongolia, Georgia, Armenia: nuove frontiere del retail

Il Sud America - con al primo posto il Brasile, seguito da Cile e Uruguay - è la meta più appetibile per iretailer. Secondo il Global Retail Development Index (Grdi) di A.T. Kearney è strategico scommettere anche su alcune piccole nazioni, oltre che sull'Africa sub-sahariana.

 

Il Sud America è in pole position, a partire dal Brasile, ma anche Mongolia (settima nella graduatoria), Georgia (ottava) e Armenia (decima) rappresentano floride realtà con caratteristiche uniche in termini di ricchezza e focus dei consumatori. Paesi come il Botswana (venticinquesimo) e la Namibia (ventiseiesima)  testimoniano il potenziale di crescita del continente africano.

 

L’India perde nove posizioni, nonostante le prospettive di lungo termine. La Cina scende dal podio, fermandosi alla quarta posizione, ma il suo business rimane impossibile da ignorare: il numero di shopping mall ha raggiunto le 3.100 unità, con 288 nuove strutture sorte nel 2012, soprattutto in città di secondo e terzo livello.

 

“Mentre i Paesi avanzati si trovano davanti a uno sviluppo piatto o asfittico, i mercati emergenti sono fonte di una crescita importante” commenta Michael Moriarty, partner di A.T. Kearney e co-leader dello studio.

 

“Gli shopping center e i mall stanno guidando buona parte del progresso della grande distribuzione organizzata nelle nazioni in via di sviluppo, perché spesso offrono la soluzione ai problemi legati a normative e aspetti immobiliari - precisa Althea Peng, partner A.T. Kearney e co-leader dello studio -. In America Latina, il Village Mall a Rio de Janeiro, il JK Iguatemi (nella foto) di San Paolo e il Costanera Center Mall in Cile sono serviti come piattaforme di lancio ed espansione per i marchi internazionali”.

 

Pubblicato dal 2002, il Grdi stila la classifica dei primi 30 Paesi emergenti che rappresentano una meta appetibile per gli investimenti da parte dei retailer. L’indice analizza 25 variabili, sia macroeconomiche, sia specifiche del mondo distributivo.

 

 

 

 

stats