Mise

Prima riunione del Comitato per la moda l’11 febbraio. Scalfarotto al posto di Calenda

Il primo incontro ufficiale del Comitato della moda è fissato per l'11 febbraio a Roma e sarà presieduto direttamente dal ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi (foto).

 

Il nuovo organismo, che rappresenta 14 associazioni e fiere del settore, avrebbe dovuto riunirsi il 27 gennaio, ma la nomina di Carlo Calenda ad ambasciatore a Bruxelles ne aveva provocato lo slittamento. Intanto è stato scelto Ivan Scalfarotto (foto) per prendere il posto di Calenda, nuovo rappresentante permanente presso la Ue.

 

La nomina di Scalfarotto è stata annunciata, anche se non compare nel comunicato ufficiale del Consiglio dei Ministri.

 

Si tratta di una decisione politica, che diverrà operativa dopo il 18 marzo, quando il neo-rappresentante italiano a Bruxelles sarà entrato pienamente in carica nel suo nuovo ruolo, sulla base dei tempi tecnici previsti.

 

Sul "dopo Calenda" si era creata nei giorni scorsi una certa confusione, legata alla notizia dell'insediamento di Teresa Bellanova, già sottosegretario al Lavoro, sulla poltrona di vice ministro allo Sviluppo Economico nel recente rimpasto di governo.

 

Il Comitato della moda e dell'accessorio italiano è stato costituito a fine dicembre per definire le linee guida per lo sviluppo del competo. Ne fanno parte tutti i protagonisti dell'ecosistema della moda, che comprende i settori del tessile, della moda e degli accessori: Altagamma, Altaroma, Centro di Firenze per la Moda Italiana, Camera Nazionale della Moda Italiana, Federazione Italiana Accessorio Moda e Persona (Fiamp), Milano Unica, TheMicam, Mido, Mifur, Mipel, Origin, Pitti Immagine, Vicenza Oro/Oro Arezzo, Sistema Moda Italia.

Tra gli obiettivi della nuova struttura, voluta dal dimissionario Calenda, c'è l'idea concordare insieme al Governo il sostegno istituzionale necessario a portare avanti le diverse iniziative e garantire l'implementazione dei progetti chiave, fondamentali per riaffermare la leadership del sistema della moda, attraverso il coordinamento e potenziamento degli eventi, il rafforzamento del sistema fieristico, la formazione, la sostenibilità e il supporto alla crescita dei marchi e delle aziende della filiera.

 

 

stats