Movimenti nell'azionariato

Versace potrebbe cedere tra il 15% e il 20%

La maison Versace starebbe valutando la cessione di una quota del 15-20% del capitale a un partner finanziario. L'operazione potrebbe avvenire tramite un aumento di capitale riservato da 250 milioni di euro.

 

Lo riferisce Reuters citando una fonte vicina al dossier. Stando ad altre fonti, invece, la famiglia potrebbe arrivare a vendere fino al 30% del capitale e un aumento riservato sarebbe solo una delle opzioni al vaglio (la famiglia potrebbe vendere parte delle azioni direttamente).

 

All'inizio del mese, in occasione dell'annuncio a Macao della partnership con Sociedade de Jogos de Macau, per la costruzione di Palazzo Versace Macau, il ceo Gian Giacomo Ferraris ha confermato le intenzioni di cedere un pacchetto di minoranza prima dell'Ipo, ipotizzata tra tre o cinque anni. Attualmente l'azionariato di Versace è composto da Allegra con il 50%, Santo con il 30% e Donatella con il 20%.

 

Nelle scorse settimane si è parlato del possibile interesse di IQ Made in Italy Venture, joint venture siglata a fine 2012 tra il Fondo Strategico Italiano (holding controllata dalla Cassa depositi e prestiti) e Qatar Holding LLC. Altro nome circolato è quello della coreana E-Land, già proprietaria di brand come Coccinelle e Mandarina Duck mentre il gruppo cinese Fosun - dato tra i possibili soci a fine agosto, e di cui è appena stato annunciato l'investimento in Caruso - ha smentito.

 

stats