NOMINE

Marco Zanini direttore creativo di Schiaparelli

Le indiscrezioni che si susseguivano da mesi sono state confermate: uscito dalla maison Rochas, dove si è insediato Alessandro Dell'Acqua, Marco Zanini diventa direttore creativo della maison Schiaparelli. Si occuperà sia del prêt-à-porter, sia dell'haute couture.

 

"Sarà lui a dirigere il nuovo percorso creativo dell'atelier di place Vendôme e il futuro del marchio - si legge in un comunicato - che intreccia sartorialità, arte e avanguardia, nell'inconfondibile lusso della tradizione Schiaparelli".

 

"La mia missione è portare la risonanza di questo nome nel presente e nel futuro" ha ribadito Zanini, il cui debutto alla guida della griffe - acquisita nel 2007 da Diego Della Valle - è previsto per gennaio 2014, durante la settimana dell'alta moda.

 

Nato a Milano il 23 giugno 1971 da padre italiano e da madre svedese, fin dall'infanzia lo stilista si appassiona alla moda e all'arte, interessandosi di cinema e libri su questi argomenti, che acquista con i suoi risparmi.

 

Studia all'Accademia di Belle Arti di Brera e non si perde una sfilata: "Le ho viste tutte di persona - dice -. Ne ero ossessionato".

 

Nel 1995 inizia a lavorare come assistente di Lawrence Steele, un'esperienza che rafforza la sua consapevolezza sulla strada professionale da seguire. Tre anni dopo viene cooptato dall'ufficio stile donna di Dolce&Gabbana, dove diventa il braccio destro di Domenico Dolce.

 

Nel 1999 passa nelle fila di Versace - affiancando Donatella Versace per il ready-to-wear femminile e la linea Atelier - e dopo nove anni si trasferisce a New York, guidando come direttore creativo il rilancio di Halston.

 

Nel 2009 torna in Europa, con lo stesso ruolo ma stavolta presso una griffe iconica del made in France, Rochas. A partire dal 2014 si apre il nuovo capitolo con Schiaparelli (nella foto, il designer immortalato da Christophe Roué).

 

 

 

stats