NOMINE

Roberto Cavalli punta a sorpresa sull'ex Z Zegna Paul Surridge

Non è Stefano Pilati, né tantomeno si tratta di un nome italiano, ma anche lui arriva da Zegna: grande sorpresa a Osmannoro nello scoprire che il nuovo direttore creativo di Roberto Cavalli è Paul Surridge, che debutterà alla guida della maison a settembre, facendo sfilare a Milano la primavera-estate 2018.

 

Nei giorni scorsi nella sede del marchio si era diffusa la voce dell'arrivo imminente in azienda di Pilati, ex head of design di Ermenegildo Zegna. In realtà lo stilista a cui è stata affidata la responsabilità di tutte le linee del Gruppo Cavalli è Surridge, anche lui arruolato in passato dall'azienda di Trivero, ma in qualità di direttore creativo di Z Zegna: un incarico che ha tenuto dal 2011 al 2014, dopo esperienze tra gli altri in Burberry e in Jil Sander.

 

Proprio gli anni trascorsi in Jil Sander si sono rivelati determinanti per la nomina di Surridge, visto che all'epoca ceo del brand tedesco era Gian Giacomo Ferraris, oggi numero uno di Cavalli, che lo ha chiamato a Firenze. «Ho lavorato con Paul in passato - ha detto Ferraris - e conosco bene il suo talento creativo e le sue qualità manageriali».

 

«È un'opportunità davvero unica quella di contribuire a scrivere un nuovo capitolo della storia di Roberto Cavalli, celebrando la bellezza, la sensualità e il potere della donna - ha dichiarato Paul Surridge commentando la nomina -. È mia intenzione dimostrare fin da subito la grande passione che condivido con il fondatore per i codici e la visione su cui Roberto Cavalli ha costruito il suo marchio, esaltando l'eccellenza dell'artigianalità italiana» (nella foto, Paul Surridge, ph. Toni Thorimbert).

 

 

stats