NOVE MESI

Zalando va meglio del mercato e migliora in profittabilità

Zalando ha chiuso i primi nove mesi del 2016 con ricavi pari a 2,547 miliardi di euro, in salita del 21,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L’ebit rettificato del gruppo con sede a Berlino ha toccato i 120,7 milioni di euro, in forte miglioramento sui 35,7 milioni di euro dello scorso anno. Il margine rispetto al fatturato è pari al 4,7%, in decisa progressione rispetto all’1,7% di 12 mesi fa.

 

Il margine ebit rettificato per l’intero anno è stimato tra il 5% e il 6%. «È fantastico vedere come a due anni dall’Ipo Zalando continui a essere sempre più forte», è il commento di Rubin Ritter, co-ceo della società specializzata nelle vendite online di moda.

 

Il player dell’e-commerce conferma le proprie ambizioni di crescita del 20-25% per i prossimi anni, continuando a investire in termini di customer proposition, per quanto concerne l’offerta mobile, la forza del brand, l’assortimento e la convenienza per il cliente.

 

Nel terzo trimestre dell’anno il traffico generato da mobile è arrivato al 67%, mentre la quota di ordini effettuati da questo tipo di device ha superato il 50%.

 

Dopo l’apertura del magazzino satellite di Stradella, in provincia di Pavia, che già ora copre il 70% degli ordini italiani, Zalando inizierà a operare con un’altra struttura di questo tipo situato nei pressi di Parigi nel primo trimestre del 2017.

 

L’e-company ha intenzione di avviare un ulteriore centro per la distribuzione di 130mila metri quadri nei pressi di Stettino in Polonia, che dovrebbe essere operativo dall’autunno dell’anno prossimo.

 

Anche il numero di dipendenti di Zalando è notevolmente lievitato: dai 10mila del 31 dicembre 2015 agli 11.200 del 30 settembre del 2016, con assunzioni effettuate soprattutto nei dipartimenti technology e operations. (nella foto, una calzatura reinterpretata da Marni per Zalando)

 

 

stats