Newco

Dopo Lorenzo Riva, Rosati conquista anche Ittierre

Il giudice fallimentare di Isernia ha dichiarato ammissibile la procedura di concordato in continuità per la Ittierre. La newco sarà gestita da Antonio Rosati, vicepresidente del Genoa Calcio, titolare dell'Hdc, a cui fa capo anche il marchio Lorenzo Riva, che ha presentato la migliore offerta.



La proposta della Hdc è stata giudicata la migliore dal Tribunale di Isernia sotto il profilo economico ed occupazionale rispetto alle offerte presentate dai competitor con Ikf e Colella, che avevano fissato nel 31 marzo il termine ultimo per la validità delle rispettive offerte e con la compagnia Mercantile che, invece, non aveva integrato la documentazione richiesta dal tribunale.



L'offerta di Rosati prevede un investimento tra i 18 e i 21 milioni di euro di cui 3 milioni e mezzo per l'affitto del ramo d’azienda, 3 milioni e mezzo per l’acquisto del magazzino. La somma restante per rilanciare la produzione.



La holding dell'imprenditore è attiva in diversi settori tra cui editoria, immobiliare, nautica, logistica, meccanica ed è presente nel mondo della moda con la maison Lorenzo Riva, di cui Rosati è azionista di maggioranza e la cui produzione dovrebbe avvenire nello stabilimento tessile di Pettoranello.



I sindacati e lavoratori hanno espresso perplessità sia per i livelli occupazionali, sia per l’annunciata presenza nella newco di Antonio Bianchi (ex patron di Ittierre) che, come ha dichiarato in precedenza lo stesso Rosati, dovrebbe occuparsi della parte commerciale.

 

 

 

stats