Nuove nomine

Nuova sfida per Ferraris: guiderà Roberto Cavalli

Gian Giacomo Ferraris è il nuovo amministratore delegato di Roberto Cavalli. Il manager, artefice del rilancio di Versace, avrà il compito di ridare smalto alla maison fiorentina controllata dal fondo Clessidra. Prenderà il posto di Renato Semerari, che lascia la carica per divergenze sulle strategie di sviluppo della società. Fuori anche il presidente Francesco Trapani.

 

Che Ferrari non fosse destinato a restare a lungo disoccupato ne erano convinti tutti, dopo 7 anni trascorsi nella maison della Medusa durante i quali ha portato il fatturato a raddoppiare. Nonostante i buoni risultati, inaspettatamente, lo scorso maggio Versace ha annunciato l'uscita di Ferraris sostituito da Jonathan Akeroyd, manager, per 12 anni alla guida di Alexander McQueen.

 

«Sono molto contento di entrare in Roberto Cavalli, un marchio iconico della moda che conosco e apprezzo, amato da celebrities e trendsetter in tutto il mondo - ha commentato Gian Giacomo Ferraris - In linea con il mandato degli azionisti, cominceremo subito a definire nuove iniziative volte allo sviluppo di lungo periodo della maison».

 

Ora la nuova sfida per Ferrari, che in procedenza ha guidato anche Jil Sander, è quelle di riportare in auge la Roberto Cavalli, il cui rilancio da quando il marchio è passato a Clessidra stenta a decollare. Nel 2015 i ricavi del gruppo fiorentino sono diminuiti del 14% a 179,7 milioni di euro.

 

Ilcambio della guarda tra Semerari e Ferraris non è l'unica novità ai verici della maison fiorentina. Anche Francesco Trapani, nell'ambito di un più ampio accordo che lo vedrà uscire da Clessidra nel corso della seconda parte del prossimo mese di settembre, ha presentato al consiglio di amministrazione di Roberto Cavalli S.p.A le proprie dimissioni dalla carica di presidente, effettive dal prossimo 10 settembre.

 

 

 

stats