OMNICANALITÀ

Walmart pronta a rilevare Bonobos. Ma c'è chi protesta

Walmart starebbe per acquisire Bonobos, startup nata con le vendite online e focalizzata sul menswear, con la quale le trattative sarebbero in fase avanzata. Il prezzo della transazione dovrebbe aggirarsi intorno ai 300 milioni di dollari.

 

Fondato nel 2007, Bonobos è partito con l'e-commerce, per avventurarsi in tempi recenti anche nell'ambito del brick-and-mortar, anche grazie a iniezioni di capitale nell'ordine di 120 milioni di dollari da parte di investitori come Coppel Capital, Accel Partners e Nordstrom, che vende le proposte del brand all'interno dei suoi department store.

 

Per espandere il business all'insegna dell'omnicanalità, Walmart ha già assorbito nella propria orbita Jet.com per 3,3 miliardi di dollari nel 2016, oltre a portali minori come Moosejaw e ModCloth.

 

Non tutti i "follower" di Bonobos hanno accolto positivamente la notizia. Sui social non sono stati in pochi a esprimere il proprio disappunto a proposito di un "matrimonio" che fa discutere.

 

Mentre il target di Walmart è popolare, Bonobos si rivolge infatti a un pubblico maschile più fashion-conscious e giovane, che non si riconosce nel target abituale dell'insegna di grandi magazzini.

 

Ma come puntualizzano alcuni analisti l'obiettivo di Walmart sarebbe proprio quello di alzare il tiro, per competere per esempio con player come Amazon.

 

stats