OPENING

Il luxury menswear firmato Jeffrey Rüdes prende casa a New York

Jeffrey Rudes ha festeggiato il 15 luglio l'opening del primo store dedicato alla linea di menswear che porta il suo nome, situato al civico 57 di Greene street. Per il futuro progetta nuove aperture e l'ampliamento della collezione.

 

Dopo aver lasciato le fila di J Brand, il marchio lanciato nel 2004 e venduto nel 2012 al giapponese Fast Retailing, Jeffrey Rudes non è stato con le mani in mano e ha dato vita a un marchio di abbigliamento maschile totalmente realizzato in Italia.

 

Con sede a Los Angeles, la label conta su un avamposto a Bologna, dove vengono coordinate tutte le attività produttive. «Fabbriche che producono marchi come Hermès, Givenchy, Dior, Lanvin e Loro Piana», ha tenuto a precisare Rudes, nel corso di un'intervista.

 

Dopo aver gravitato nella sfera del womenswear e del junior, Rudes è convinto che questo sia il momento della moda maschile. E precisamente quella alto di gamma. «La collezione comincia a evolvere verso il lifestyle - ha affermato - dall'eleganza classica al modernismo sexy».

 

L'offerta comprende abiti doppiopetto, giubbini biker in pelle di daino, trench in pelle scamosciata e suede ma anche borse, scarpe e cinture. Non mancano i jeans, in tessuti leggeri e in colori chiari.

 

Il punto vendita occupa una superficie di circa 500 metri quadri e, nelle intenzioni di Rudes, è il primo di altri opening. Il progetto retail dovrebbe essere pronto nell'arco di tre stagioni e poi si partirà con lo sviluppo wholesale. «Ma prima devo pensare al mio primo negozio e al website», ha precisato Rudes.

 

stats