OPENING

Moncler: per il flagship sulla Madison tributo a NY con Thom Browne e Spike Lee

Primo flagship statunitense per Moncler, che ha aperto in Madison avenue, nel cuore di Manhattan, uno spazio di oltre 600 metri quadri, dando vita a un evento che rende omaggio alla "città che non dorme mai" e all'American way of life, in sinergia con due personaggi permeati dalla cultura e dallo stile della metropoli: Thom Browne e Spike Lee.

 

Per il marchio da 639 milioni di euro di fatturato (+14%) nei nove mesi, Thom Browne - che disegna la linea Moncler Gamme Bleu - ha creato un'art installation, intitolata USA Flag, 2016 by Thom Browne: protagonisti 28 piumini, messi a punto dallo stilista in edizione speciale con pezzi unici e numerati, il cui tema ispiratore è la bandiera a stelle e strisce, evocata in un "mosaico" tracciato su una parete del negozio.

 

Questi modelli, in materiali particolarmente preziosi e con dettagli ricercati, saranno messi in vendita online su moncler.com: il ricavato andrà a favore dell'organizzazione benefica Robin Hood.

 

Browne ha inoltre ideato una collezione in edizione limitata di piumini, pull in cashmere e altre proposte, a loro volta ispirati alla bandiera americana.

 

Ma le iniziative legate all'opening non finiscono qui. Un ulteriore piatto forte è il video-musical Brave, realizzato ad hoc da Spike Lee, uno dei registi simbolo di New York: cinque minuti in cui le sonorità ska si mischiano con il funky, contribuendo a delineare un'atmosfera affascinante, energetica e multisfaccettata, anche grazie alla fisicità dei ballerini Lil Buck, John Boogz e Damaris Lewis.

 

Lo stesso Lee partecipa allo short movie con un parlato, recitando The New Colossus, sonetto di Emma Lazarus che è inciso su una placca di bronzo alla base della Statua della Libertà. Il titolo della pellicola, Brave, si rifà a Brave Suffering Beautiful, motivo portante del musical off-Broadway Total Bent di Stew e Heidi Rodewald: «Una canzone - dice Lee - che racchiude in sé il significato di essere un americano in questo particolare passaggio epocale».

 

stats