OPENING in via bagutta

Issey Miyake: primo flagship italiano

Marchio di moda ma fortemente influenzato dal design nel senso più ampio del termine, Issey Miyake ha aperto ieri (15 marzo) il suo primo flagship store italiano, in via Bagutta 12 a Milano. Uno spazio di circa 500 metri quadri, progettato da Tokujin Yoshioka all'interno di Palazzo Reina.

 

Un edificio storico - costruito dalla famiglia Reina tra il 1826 e il 1831, di proprietà del Comune dal 1921 e tre anni fa passato nelle mani di una società immobiliare - che dopo il recente restauro torna agli antichi splendori anche grazie a questo monomarca, in una città che presenta una perfetta sintonia con la griffe, fondata nel 1970 da quello che si può definire più un artista che uno stilista.

 

Il negozio, sviluppato su due livelli - piano terra e piano signorile - suddivisi in stanze tematiche più o meno grandi, armonizza lo spirito fortemente contemporaneo e concettuale del marchio con l'heritage di una sede della quale sono stati riportati alla luce gli elementi originari, come gli affreschi sui soffitti.

 

In un ambiente luminoso, affacciato da un lato su via Bagutta e dall'altro su un cortile interno, il colore dominante è il bianco, ideale per presentare il mondo di Issey Miyake nella sua completezza: l'uomo, la donna, gli accessori - tra cui le borse Bao Bao Issey Miyake - e le creazioni di Pleats Please Issey Miyake, contraddistinte da finissime plissettature e giochi di proporzioni che ricordano l'origami.

 

Si fanno notare, al pianterreno, le sculture fluttuanti, appese al soffitto e colorate in blu, arancio e verde, con la stessa tecnica usata per i tessuti.

 

«Un'unica estetica viene creata attraverso l'unione di uno storico paesaggio urbano con un avveniristico intervento degli interni - spiega Tokujin Yoshioka - al fine di esprimere il passare del tempo».

 

«Siamo attratti da un passato arricchito da strati di storia e da un futuro opaco, non ancora realizzato» prosegue, sottolineando come il punto vendita esprima questa dualità.

 

L'Italia rappresenta il primo mercato per il brand sul territorio europeo, con una cinquantina di clienti, seguito dai Paesi del Nord.

 

stats