Onorificenze

Marco Bizzarri (Gucci): «Dedico la mia Légion d’Honneur a Pinault»

Il presidente e ceo di Gucci, Marco Bizzarri, è stato nominato nell’Ordine della Légion d’Honneur per il grado di Cavaliere. «Lo dedico a François-Henri Pinault - dichiara il top manager - per tutte le opportunità che mi ha dato in oltre 11 anni all’interno del gruppo».

 

Come si legge su quotidiano.net, Bizzarri ha spiegato che è grazie alla visione e integrità personale e professionale di Pinault (al vertice del gruppo francese Kering, che controlla il marchio Gucci) che sono stati raggiunti gli attuali risultati.

 

Inoltre il numero uno di Gucci ha ringraziato il suo team e i colleghi in azienda, «11mila persone sparse in tutti gli angoli del mondo, che in questi anni hanno fatto di Gucci una bellissima storia».

 

«La Légion d’Honneur - ha aggiunto - è senza dubbio il riconoscimento più prestigioso che abbia mai ricevuto in tutta la mia carriera. Non avrei mai potuto immaginarlo e faccio ancora fatica a realizzare di aver ricevuto la nomina».

 

Bizzarri è stato insignito per i suoi meriti e successi professionali, al servizio della relazione Italia-Francia. Al timone di Gucci dal gennaio 2015, grazie alle strategie attuate (tra cui la discussa scelta di Alessandro Michele alla direzione creativa) ha permesso un netto recupero delle vendite del marchio, fino ad arrivare al +51% da record del primo trimestre dell'esercizio in corso (dopo il +12,7% del 2016, in cui la griffe ha sfiorato i 4,4 miliardi di euro di fatturato).

 

Prima ancora il manager di Reggio Emilia si era distinto per le brillanti perfomance al comando di Bottega Veneta, altro marchio italiano del lusso in mano a Kering. Non a caso, in passato il Financial Times lo ha definito l'uomo dal «billion euro touch».

 

stats