Opa

Con Sempione Retail, Ovs ha oltre l'80% di Charles Vögele

Al termine dell'Opa su Charles Vögele, lanciata in settembre, la partecipata di Ovs - Sempione Retail - ha raggiunto l'82,62% del capitale del retailer svizzero. Con la conversione dei negozi, il gruppo italiano prevede il raddoppio delle vendite all'estero.

 

Come ha spiegato il ceo di Ovs, Stefano Berlado (nella foto) a Reuters, una volta trasformati i punti vendita Charles Vögele in negozi Ovs, i ricavi del gruppo di Mestre oltre i confini nazionali dovrebbero salire a circa 500 milioni (oltre il 25% del totale).

 

Ovs detiene il 35% di Sempione Retail, oltre a un'opzione di acquisto su un altro 44,5%, che può esercitare dal terzo anno successivo alla positiva chiusura dell'offerta pubblica di acquisto. L'investimento annunciato in settembre (14,1 milioni di franchi svizzeri, corrispondenti a circa 13 milioni di euro) è visto come un'opportunità dal retailer italiano del fast fashion, per rafforzare la presenza su mercati come la Svizzera e l'Austria. Il piano di conversione dei negozi coinvolge anche location in Slovenia e Ungheria.

 

«I negozi - ha spiegato Beraldo - saranno convertiti in due fasi: una prima fase riguarderà la Svizzera, nell'estate del prossimo anno, un'altra riguarderà l'Austria, nel gennaio-febbraio 2018».

 

Il ceo di Ovs auspica che nella prossima fase dell'Opa su Charles Vogele - dal 23 novembre al 6 dicembre - le adesioni aumentino ulteriormente. «In ogni caso - ha precisato - abbiamo già le quote per poterla delistare e la delisteremo».

 

In merito alla possibile acquisizione dei negozi Conbipel, di cui si è parlato nei mesi scorsi, Berlado ha affermato: «Le cose si sono un po' raffreddate». Le ragioni sarebbero legate a divergenze sul prezzo.

 

stats