Outlet Centerin Europa

Luca de Ambrosis (Dea): in arrivo a Kotka il primo designer outlet finlandese

Ieri, 26 aprile, è stata posata la prima pietra del Kotka Designer Outlet Village: il primo centro a prezzi convenienti della Finlandia aprirà a fine 2017, nell’area portuale della cittadina a Sud del Paese. Con la fase uno - ne sono previste tre, pari a un investimento di 160 milioni di euro - saranno inaugurati 80 negozi. Sviluppatore del progetto Luca de Ambrosis Ortigara, ceo di Dea Retail Real Estate Advisor.

 

Il nuovo outlet - elemento chiave del master plan di riqualificazione della marina di Kotka che costerà circa mezzo miliardo di euro - sorge in una posizione strategica: a 130 chilometri da Helsinki (75 minuti d’auto) e 250 chilometri da San Pietroburgo.

 

«Una location molto interessante per il bacino finlandese e russo - ha sottolineato de Ambrosis alla conferenza stampa di questa mattina - data l’offerta diversificata e la grande accessibilità. Motivi che rendono il progetto allettante per brand internazionali del lusso, ma anche per quelli premium e del mass market, che completeranno l’offerta». Al momento le insegne che hanno già confermato la loro presenza sono Missoni, Class Cavalli, Baldinini e Genny.

 

Con un concept firmato dallo studio di architettura Ahr, la struttura sarà completamente al coperto, per garantire la massima fruibilità anche durante  i freddi inverni finlandesi: la parte food si affaccerà sulla marina permettendo un utilizzo open-air durante la bella stagione. Oltre all’outlet faranno parte del complesso due alberghi, abitazioni private, il porto con 130 posti barca e due musei, oltre ad altre attività di leisure ed entertainment.

 

«Puntiamo a creare una destinazione non solo per lo shopping ma anche culturale e di svago, grazie alla presenza dei musei e a una serie di eventi che organizzeremo per garantire un’allettante experience» ha spiegato Cameron Sawyer, a capo della cordata di investitori di cui fanno parte John Milligan, Gerald Parkes e Byrne Murphy.

 

Come ha spiegato Matteo Bono, responsabile commerciale di Dea, «i negozi verranno affittati in media a 400 euro al metro quadro l’anno, più una percentuale sulle vendite del 10%, in linea con i prezzi italiani».

 

L’outlet center aprirà partendo da una superficie lorda affittabile (gla) di 15mila metri quadri, ma è già previsto che in altre due fasi di sviluppo raggiunga i 40-45mila metri quadri di gla.

 

«Nel primo anno stimiamo oltre due milioni di visitatori - ha precisato de Ambrosis - considerando che  ci aspettiamo una spesa media interessante, visto che i finlandesi hanno un reddito procapite che supera del 25% quello degli altri cittadini europei. Anche i russi saranno invogliati a fare shopping: la diversità di dazi e imposte rende infatti lo stesso prodotto acquistato in Svezia meno caro del 50% rispetto alla Federazione».

stats