Pitti Uomo

Il white army di Napapijri, sulle tracce della Rainforest a Firenze

In occasione di Pitti Uomo un esercito pacifico di giovani vestiti di bianco invita la gente a scoprire dove si nascondono le cinque giacche modello Rainforest in giro per Firenze. Per il trentesimo anniversario Napapijri scommette sulla suspense, con l'hashtag #thesecretcollection.

 

«È il momento di fare leva sul concetto di Heritage Forward, ossia guardare al passato proiettandosi nel futuro», spiega Kathy Hines, vice president marketing, e-commerce and strategy, presente all'evento di ieri sera, 11 gennaio, al teatro Odeon, con il liveset di Woodkid.

 

Scandita dall'headline "Follow me to the unexpected", l'iniziativa è un percorso segreto sulle tracce della iconica giacca Rainforest, nascosta dietro cinque porte segrete e scelta dal brand come emblema di questa importante ricorrenza, che celebra il ritorno alle origini italiane del marchio, oggi in capo a Vf Corporation.

 

«Il brand è nato nel 1987 ad Aosta - prosegue Hines - e noi vogliamo agganciarci alla nostra storia con le collezioni che proponiamo. Nelle cinque porte in giro per la città ci sono nascoste altrettante interpretazioni della Rainforest. Un invito per il pubblico dei nostri consumatori, che definiamo seekers, ossia amanti della scoperta.».

 

C'è il modello in edizione limitata reversibile, quello ispirato al Monte Bianco, prima casa del brand, l’ibrida Soft Shell, progettata secondo il concetto di “layering”, la versione Original, con la tasca frontale e la bandiera-logo norvegese e la All White, che indossano i ragazzi in giro per Firenze.

 

«La Rainforest - racconta Kathy Hines - simboleggia l'unione tra il nostro passato e il nostro futuro in sintonia con il concetto di Heritage Forward, dal quale nasce anche il nuovo Superlight Parka, ispirato a un altro modello storico del 1987, lo Skidoo. Un giaccone che all'epoca pesava 2 chili e 200 grammi e che oggi pesa un chilo in meno, grazie a un lavoro enorme di reinterpretazione. Una proposta che ha il plus di essere totalmente priva di piuma e pelliccia. Perfetta a temperature da +10 gradi a -10 gradi».

 

Un capo caratterizzato dalla tecnologia Thermo-Fibre inventata e brevettata da Napapijri, un materiale alternativo alla piuma d'oca, in grado di trattenere l'aria e formare un tessuto soffice e trapuntato, che garantisce termoregolazione e massimo isolamento, grazie anche alle cuciture sigillate. Intorno al collo, un bordo di pelliccia sintetica garantisce ulteriore protezione contro il freddo, nel pieno rispetto della sostenibilità.

 

"Make it better" è lo slogan scelto da Napapijri per esprimere questo concetto di impegno a tutti i livelli. «Vogliamo fare le cose sempre meglio per i consumatori, per l'ambiente e per tutti», sottolinea Kathy Hines.

 

Una strategia che funziona, a giudicare dai numeri: «Nel terzo trimestre del fiscal year 2016 Napapijri è stato il marchio di Vf con la crescita maggiore», sottolinea la manager.

 

stats