Pitti Uomo

Per gli 80 anni di Blauer Fusco si regala una luxury capsule con uno stilista

Grandi progetti per gli 80 anni di Blauer. Presentata a Pitti Uomo una capsule celebrativa, mentre è in cantiere un evento per settembre. «Ora puntiamo a crescere in tutto il mondo», annuncia Enzo Fusco, patron di Fgf Industry, che scommette sull'upgrading, affidandosi a uno stilista noto.

 

«Il nome è ancora top secret - rivela Fusco, cui fanno capo anche le etichette Prince Tees, Ten C e BPD, ma l'obiettivo è creare un'etichetta speciale di Blauer con dei prodotti di ricerca alto di gamma, per una clientela di target elevato: circa 150 top store a livello mondiale realizzati in partnership».

 

Una tappa importante in direzione dell'internazionalizzazione, obiettivo prioritario per Fusco. «Oggi l'export è essenzialmente europeo e copre una quota del 30% su un totale di 35 milioni di euro. Una percentuale che dovrà crescere sensibilmente».

 

Nel mirino di Fusco ci sono gli Usa e l'Asia: «Siamo appena approdati in Canada e dalla prossima stagione faremo una joint venture distributiva per gli Usa, dove vogliamo realizzare in loco una serie di articoli mirati per questo mercato: il Paese dove 80 anni fa nasceva Blauer, di cui abbiamo da 15 anni la master licence per il mondo. Qui il brand è sinonimo di divise per i poliziotti: un'attività gestita ancora oggi da una singola famiglia: un brand vero, con una storia autentica».

 

Altra tappa importante è la Cina, dove è prevista una joint venture. In entrambi i mercati l'obiettivo è aprire un flagship che faccia da punto di riferimento a livello di immagine. «Non una catena - puntualizza Fusco -. Perché non crediamo nella formula del monomarca».

 

Nello stand a Pitti Uomo Fusco mostra la capsule celebrativa per gli 80 anni: due giubbotti in pelle, due occhiali e una scarpa in limited edition e annuncia: «A settembre faremo un evento a Milano o a Venezia per festeggiare l'anniversario».

 

Poi c'è la nuova linea High-Tech, che scommette sulla tecnologia: «La performance è il nostro dna e oggi e più che mai un argomento di tendenza». La collezione diviene sempre più un total look ricco di proposte, che si completa con le licenze delle scarpe, con Bridge, e degli occhiali con Had. «In arrivo i profumi con Mavive e la pelletteria con Principe di Varese».

 

Dopo aver ceduto C.P. Company ai cinesi di Tristate Holdings, Fusco si è "alleggerito" di un impegno gravoso e può concentrarsi con più leggerezza su Blauer.

 

«A partire dalla fall-winter 2017/2018 puntiamo a incrementare il fatturato per arrivare a superare quota 50 milioni nel 2018. Abbiamo il marchio, il prodotto, il prezzo, la qualità e una buona rete vendita, ossia le carte in regola per centrare l'obiettivo».

 

stats