Previsioni

Holiday season: l'America si aspetta un +3,9% nelle vendite retail

Nonostante l'incubo shutdown, c'è ottimismo negli Usa per la holiday season. Le festività natalizie che cominciano a fine novembre con il giorno del Ringraziamento (per concludersi il primo gennaio) dovrebbero registrare un +3,9% nelle vendite retail, secondo la National Retail Federation (Nrf).

 

Mentre si parla di rischio di default per il governo americano, alla Nrf stimano che gli incassi possano raggiungere la cifra di 602,1 miliardi di dollari. Lo scorso anno la crescita era stata leggermente inferiore, pari al 3,5%, contro il +3,3% della media degli ultimi 10 anni.

 

La holiday season è un periodo cruciale per il retail, dal momento che conta per il 20-40% dei ricavi annuali e le stime dell'associazione con base a Washington ipotizzano che il governo Usa risolva la questione shutdown (il congelamento temporaneo, scattato lunedì, delle spese del governo federale per mancanza di fondi, che comporta la perdita del lavoro per 800mila impiegati). La previsione tiene conto ogni anno di fattori quali la confidenza al consumo, il credito al consumo e i reddito disponibile.  

 

La divisione di Nrf Shop.org prevede inoltre un incremento delle vendite online fra il 13% e il 15% a oltre 80 milioni di dollari (dal +11% di un anno prima).

 

Come riporta Reuters, l'International Council of Shopping Centers è più prudente e ipotizza una crescita delle vendite del 3,4%. Al contrario, gli analisti di Deloitte prevedono un recupero tra il 4% e il 4,5% (in linea con la performance del 2012) e quelli di AlixPartners un progresso fra il 4,1% e il 4,9%.

 

stats