Previsioni

Richemont conferma le solide prospettive di crescita

All'assemblea degli azionisti in calendario oggi, Richemont - il gruppo svizzero cui fanno capo marchi come Cartier, Van Cleef & Arpels e Baume & Mercier - conferma le stime di incremento dell'utile operativo a sei mesi tra il 20% e il 40% rispetto all'analogo periodo del 2011. Nello stesso intervallo anche la crescita attesa dei profitti.

 

Questa previsione tiene conto del trend dei ricavi nei cinque mesi terminati il 31 agosto: +23% (+13% a cambi costanti), che risente positivamente del +27% messo a segno in Asia, del +23% realizzato in Europa (grazie soprattutto al retail nelle destinazioni turistiche), mentre nelle Americhe e in Giappone il progresso è stato in entrambi i casi del 19%. Tutti i business hanno rivelato tassi di aumento delle vendite a doppia cifra. Tra questi spiccano il +26% degli orologi e il +23% sia dei marchi della gioielleria, sia della voce "other", che include i brand Alfred Dunhill, Chloé, Lancel e il sito di e-commerce Net-a-Porter.

 

Nonostante l'incertezza economica e la crescita "moderata" del fatturato (dallo scorso maggio), il chairman e ceo Johann Rubert ha confermato che il gruppo manterrà il suo ambizioso piano di investimenti.

 

stats