Profit warning

Kering stima utili sensibilmente inferiori a quelli del 2012

La Redoute e Puma peseranno sui conti 2013 di Kering. Il colosso francese che controlla anche Gucci Group ha, infatti, annunciato che a causa di questi due business l'utile consolidato 2013 sarà significativamente inferiore a quello del 2012.

 

Ieri sera, in una nota, il gruppo d'Oltralpe ha reso noto di avere esaminato le varie offerte ricevute per La Redoute, in vendita da tempo, ma di volere continuare a valutare varie opzioni. Questo nell'interesse del futuro sviluppo della realtà specializzata nelle vendite a distanza (su catalogo e online), degli impiegati (una trattativa con i sindacati è in corso dallo scorso giugno e si parla di tagliare 880 dei 2.500 dipendenti francesi) e del territorio dove ha sede. Presto sarà presa una decisione, garantisce il management, che intanto parla di necessità finanziarie per la riorganizzazione di La Redoute.

 

Quanto a Puma, Kering conferma che gli oneri straordinari annunciati lo scorso 8 novembre (circa 130 milioni di euro, che saranno imputati al quarto trimestre) andranno a ripercuotersi sul risultato netto 2013.

 

I vertici sottolineano che si tratta di fattori non ricorrenti e restano fiduciosi relativamente alla solidità delle performance della società a livello operativo, come pure a livello di utile al netto delle voci straordinarie.

 

stats