Ricorsi

Stefanel chiede il concordato preventivo

Il board di Stefanel ha deliberato di presentare domanda di ammissione al concordato preventivo cosiddetto "in bianco". La delibera si inserisce nel contesto delle iniziative finalizzate alla ristrutturazione del debito e al rafforzamento patrimoniale della società.

 

Lo ha riportato in mattinata l'agenzia Reuters. Attraverso il concordato preventivo in bianco (detto anche "con riserva") un'impresa si riserva di poter presentare un ricorso per l'omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti.

 

Il gruppo Stefanel ha inoltre fatto sapere che Finpiave, azionista della società venta dell'abbigliamento con il 20,329% del capitale, ha deliberato di presentare domanda di ammissione al concordato preventivo, riservandosi di poter presentare un'istanza per l'omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti.

 

Dopo la sospensione dalle negoziazioni da Borsa italiana di questa mattina, in attesa di comunicato, il titolo Stefanel ha chiuso la seduta con un calo che sfiora il 40% a 0,105 euro per azione (nella foto, un negozio del brand aperto in marzo a Dubai). In un anno le azioni hanno invece perso il 60% del loro valore.

 

stats