Ristrutturazioni

Meltin'Pot fa i conti con la crisi e chiede il concordato in continuità

Tempi difficili per Meltin'Pot, il marchio di jeanswear in capo alla Romano di Matino, in provincia di Lecce. L'azienda ha richiesto il concordato in continuità, per poter intraprendere un piano di ristrutturazione aziendale.

 

Come rivela a fashionmagazine.it il direttore generale, Augusto Romano: "Al momento sono 180 gli addetti in cassa integrazione, su una forza lavoro di 280 lavoratori. Per i restanti sono stati applicati i contratti di solidarietà". E prosegue: "Ora aspettiamo che il tribunale e i creditori approvino il piano che abbiamo presentato".

 

Per il momento è sospesa la partecipazione alle fiere e l'obiettivo è di concentrarsi sul brand di casa, Meltin'Pot, con la consapevolezza che la parola made in Italy diventa sempre più improbabile, fra le voci legate alla produzione.

 

stats