Rumors

Vuitton: tra voci e smentite, è giallo sul futuro di Ghesquière

Sembrava una giornata tranquilla, quella di ieri (20 luglio) in casa Louis Vuitton, ma in serata ecco la clamorosa rivelazione dell’agenzia di stampa Reuters: la griffe starebbe studiando la separazione dopo soli due anni di collaborazione da Nicolas Ghesquière e avrebbe già individuato il suo successore in Jonathan Anderson. Ma il gruppo Lvmh ha immediatamente smentito la notizia e chiarisce che il contratto di Nicolas scadrà a novembre del 2018.

 

Sempre secondo l'agenzia di stampa, sarebbe anche già stata fissata la data della separazione: il designer lascerebbe il suo incarico di direttore creativo subito dopo aver presentato, a Parigi il prossimo ottobre, il ready to wear della primavera-estate 2017.

 

Quanto alla causa di questo ipotetico divorzio anticipato, sempre secondo Reuters, sarebbero i risultati commerciali delle collezioni di prêt-à-porter disegnate dall'ex direttore creativo di Balenciaga, che non sono state all'altezza delle attese del gruppo Lvmh.

 

Dalla stessa Louis Vuitton è arrivata però immediata una secca smentita in merito all'inaspettato ribaltone ai vertici. Un portavoce della maison ha infatti negato categoricamente la notizia al quotidiano Business of Fashion, chiarendo: «Il contratto di cinque anni con Nicolas Ghesquière scadrà a novembre 2018».

 

Quella di ieri è stata solo l'ennesima voce circolata in merito a una rottura tra Ghesquière e la griffe del Monogram. L'ipotesi era già stata presa in considerazione dopo le dichiarazioni dello stilista rilasciate al talk show francese Le Petit Journal, in merito al possibile lancio di un marchio proprio e indipendente.

 

Incalzato sulla possibilità di un'avventura imprenditoriale in proprio, aveva commentato: «Potrei farlo anche presto. Non ho una data però. Tornerò per raccontarvelo».  

 

Nelle prossime ore ci saranno sicuramente altri aggiornamenti e retroscena sulla vicenda, che è già diventata un giallo.

 

stats