STRATEGIE

Dopo 16 anni Gucci lascia l'ex cinema Diana di Milano

Secondo quanto risulta a fashionmagazine.it, dopo quasi 16 anni Gucci ha lasciato gli spazi dell’ex cinema Diana, in piazza Oberdan a Milano. Un epilogo prevedibile, visto che già da giugno 2015 la location non era più la sede delle sfilate (trasferite allo scalo Farini), ma veniva impiegata solo per la campagna vendita della collezione childrenswear del brand.

 

L'ex cinema è diventato poco utile anche in considerazione del fatto che, alla fine di agosto, Gucci si trasferirà finalmente nel nuovo quartier generale di via Mecenate 79 (ex fabbrica di aerei Caproni), che comprende un grande hangar di quasi 4mila metri quadrati, dove a partire dal 2017 si svolgeranno i fashion show.

 

Anche se annunciato, l'abbandono dello spazio (avvenuto poche settimane fa) segna la fine di un'epoca per la maison che fa capo a Kering. A scegliere questo edificio era stato Tom Ford: nel 2000 Gucci aveva siglato un contratto a lungo termine per prendere in affitto i locali in piazza Oberdan angolo viale Piave, come sede da adibire per sfilate ed eventi speciali.

 

Lo spazio, che occupa circa 2.500 metri quadrati su tre piani con 14 aperture su strada, era stato utilizzato con regolarità anche negli anni di direzione creativa di Frida Giannini, mentre Alessandro Michele, dopo averci sfilato per la prima volta da direttore creativo nel febbraio del 2015, lo ha abbandonato, preferendo lo scalo ferroviario di via Farini. 

 

Gucci era stata la prima griffe a far rinascere un cinema: un'idea seguita poi anche da Dolce&Gabbana, che avevano trasformato il Metropol nel quartier generale delle sfilate, e da Versace che, per anni, ha fatto dell'ex Alcione in piazza Vetra la sua passerella.

 

stats