STRATEGIE

Dsquared2 vola nel retail (+55%) e sul web (+44%). Ricavi a 220 milioni (+5%)

Giorni intensi per Dean e Dan Caten, alias Dsquared2: quasi in contemporanea con l'opening del primo flagship romano, quasi 400 metri quadri in via del Babuino, i due stilisti sono stati protagonisti di una trasferta lampo in Asia, fra Tokyo e Shanghai.

 

Intanto i ricavi toccano quota 220 milioni di euro (+5%), con un balzo in avanti del 55% nel canale retail e del 44% delle vendite online.

 

Intervistato da MFFashion, l'a.d. Gianfranco Maccarone annuncia future aperture a Madrid in luglio, a Parigi con una seconda location e a Las Vegas, «dove abbiamo appena firmato per il nuovo store». E ancora, in Cina, Vietnam, Vienna, Istanbul e Macao.

 

L'obiettivo, per la griffe che ha al proprio attivo 60 monomarca nel mondo e può contare su un posto al sole nei principali department store internazionali, è viaggiare al ritmo di 10 nuove vetrine l'anno.

 

Ma, come precisa Maccarone, questo non significa oscurare il wholesale, una rete di 400 multimarca, con vendite in aumento del 3%, attraverso la quale viene generato il 70% del giro d'affari complessivo.

 

Altra leva strategica l'e-commerce, in progress del 44% lo scorso anno, con un 25% realizzato negli Usa, un mercato che, in generale, ha un peso dell'8% sul turnover del marchio, mentre il 30% è tuttora realizzato in Italia (nella foto, Dean e Dan Caten a Tokyo).

 

stats