STRATEGIE

John Lewis sdogana il gender neutral per il kidswear

John Lewis è la prima catena di department store britannica ad aver deciso di eliminare dagli abiti di bambini e bambine le etichette di genere, sostituendole con la semplice dicitura "Boys&Girls" oppure "Girls&Boys". Di conseguenza, nei negozi non esisteranno più sezioni separate per maschi e femmine. Al lancio anche una linea gender-neutral in taglie mini.

 

La notizia sta facendo il giro dei media e dei social. Come ha precisato Caroline Bettis, head of childrenswear di John Lewis, che ha lavorato alla svolta insieme al gruppo Let Clothes Be Clothes, «ci teniamo a dare il nostro contributo all'abbattimento degli stereotipi. Del resto, il criterio d'acquisto non deve essere legato al genere, ma a ciò che piace». Peraltro dall'offerta non è diventata unisex: il classico abitino a fiori per la bimba, per esempio, resta dov'è.

 

Presto anche l'e-store del marchio si adeguerà alle nuove regole.

 

C'è chi applaude all'iniziativa - la maggioranza - ma anche chi la critica, obiettando che si rischia di creare confusione tra i consumatori e sostenendo che «le femmine devono essere femmine e i maschi maschi».

 

stats