STRATEGIE

Kering alza l'asticella sulla sostenibilità con il piano da qui al 2025

Già in prima linea sul fronte del risparmio energetico, del rispetto per l'ambiente e di condizioni di lavoro favorevoli ai dipendenti, il gruppo Kering si impegna a perseguire nell'arco di 10 anni un'ulteriore riduzione dell'impatto ambientale, a sostenere il social welfare all'interno e a implementare «piattaforme innovative e rivoluzionarie». «La sostenibilità ridefinisce il valore del business» commenta il patron François-Henri Pinault (nella foto).

 

Come sottolinea una nota, l'impatto ambientale del colosso francese «rappresenta meno del 45% delle attività medie globali del fatturato comparativo».  Ora Kering fa un passo avanti, dopo una fase esplorativa di un anno in cui sono stati coinvolti i ceo dei marchi del lusso, i direttori creativi e i relativi team, elaborando un piano da qui al 2025.

 

Tre le parole d'ordine del futuro, all'insegna del coinvolgimento dell'intera supply chain, in sintonia con le linee guida degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Onu: attenzione, collaborazione, creazione.

 

Attenzione intesa come focalizzazione sul pianeta, con alcuni obiettivi primari: per esempio, abbattere del 50% le emissioni di CO2, ridurre il "conto economico ambientale" dell'azienda del 40% e forse più e creare un "Supplier Index of Sustainability", in base al quale i fornitori devono aderire al 100% agli standard della società in fatto di processi, scelte di materie prime, tracciabilità, benessere degli animali, ricorso a prodotti chimici e social welfare.

 

Inoltre, mettere a punto uno strumento open-sourced che permetta di valutare i singoli prodotti in base a parametri prestabiliti e istituire un Laboratorio di Innovazione sui Materiali incentrato su orologi e gioielli.

 

Collaborazione è la seconda keyword e mette al centro le persone: si va dal supporto delle tradizioni artigiane alle collaborazioni con università e centri di ricerca, fino al potenziamento di «prassi lungimiranti nell'assunzione del personale» e al raggiungimento della parità di genere. «Puntiamo a diventare il datore di lavoro preferito nell'ambito del lusso» ribadiscono da Kering.

 

Infine, creazione di nuovi modelli di business, investendo in innovazioni in grado di andare oltre i processi convenzionali, ricorrendo alle biotecnologie e al riciclo, potenziando una piattaforma acquisti interna volta a ottenere materie prime sostenibili e di alta qualità, agendo sulla governance interna e, non ultimo, dando vita a un gruppo di consulenza formato da giovani leader, «per essere ispirati da nuove idee».

 

stats