STRATEGIE

Kering cederà Volcom: «Il lusso è la nostra priorità»

Kering ha iniziato le procedure per la vendita del marchio di active sportswear Volcom, che «non costituisce più un asset centrale per la società e la sua strategia di dedicarsi completamente ai marchi del lusso».

 

Acquisito dal gruppo d'oltralpe nel 2011, già due anni fa Volcom aveva lasciato sul campo un pezzo, tramite la cessione del suo brand di accessori Electric a una cordata guidata dal ceo di questa label, Eric Crane.

 

Nel dicembre scorso, inoltre, François-Henri Pinault (nella foto), patron di Kering, aveva annunciato la distribuzione del 70% delle azioni aziendali detenute in Puma agli azionisti e in particolare ad Artémis (holding della famiglia Pinault), che ha ottenuto il 29%, mentre a Kering è rimasto il 16%.

 

Chiaro l'intento di tutte queste manovre: focalizzarsi sul settore luxury, che non finisce con il fenomeno Gucci - forte di 6,2 miliardi di fatturato nel 2017, in crescita del 42%, su un totale di 15,5 miliardi - ma ha altre potenzialità da sviluppare, per esempio con Balenciaga e Yves Saint Laurent.

 

Una carta che Pinault non giocherà più è quella di Stella McCartney: dopo 17 anni di sodalizio, la designer britannica si è ripresa la quota del 50% posseduta dal player francese, diventando l'unica proprietaria del suo marchio.

 

stats