STRATEGIE

Miroglio accelera in Russia: 140 aperture entro il 2015

Continua a spron battuto l'avanzata di Miroglio in Russia. Con l'ultimo opening Elena Mirò a Mosca (nella foto), le boutique del gruppo in quest'area sono salite a quota 111. Ma entro il 2015 ne sono previste altre 140: l'obiettivo è raggiungere un totale di 250 negozi e superare i 100 milioni di fatturato.

 

Da due anni a questa parte, gli investimenti della società piemontese sono supportati in loco anche da una struttura dedicata - la Russian Market Development Organisation - che gestisce quattro marchi (Motivi, Elena Mirò, Caractère e Fiorella Rubino), i 111 monomarca, la presenza in circa 100 multibrand e un'area Textile.

 

Per quanto riguarda l'abbigliamento curvy Elena Mirò, attualmente la label presidia il territorio russo con otto flagship, che sono però destinati a diventare 20 entro il prossimo triennio.

 

Nel complesso il turnover che il gruppo totalizzerà in Russia nel 2012 supererà i 37 milioni di euro, con 930mila capi venduti. Si tratta, come sottolinea una nota, di un mercato che offre grandi opportunità di espansione futura: per questo, oltre al potenziamento del numero di punti vendita, è in programma "lo sviluppo di una forte strategia franchising, una massiccia entry strategy di Fiorella Rubino (30 negozi nei prossimi tre anni) e il lancio dell'e-commerce per tutti i brand dell'azienda presenti in loco".

 

Complessivamente, grazie alle nuove 140 aperture in agenda, nel 2015 gli shop del Gruppo Miroglio arriveranno a quota 250, con il superamento dei 100 milioni di euro di fatturato.

 

stats